Cerignola:MOVIMENTO POLITICO “CERIGNOLA LIBERA”

19 Settembre 2014|Posted in: Cerignola, Politica

CONSIGLIO COMUNALE .  SOSPESI I LAVORI PER ASSENZA DEL  NUMERO LEGALE.  LA MAGGIORANZA CONSILIARE  DISERTA L’AULA. PERCHE’?

Quanto accaduto il 16-9-2014 durante il Consiglio Comunale, è la  conferma dello stato di salute di questa  Amministrazione Comunale.   Lo scenario teatrale già visto altre volte, per la verità,non scandalizza ormai  più nessuno tanta è l’assuefazione. Difatti,  parte della citata maggioranza durante i lavori ha disertato l’Aula per ragioni poco chiare.  Di conseguenza, venendo meno il numero legale il Presidente del Consiglio,  non  ha potuto fare altro che dichiarare chiusa la seduta.   Perché la maggioranza ha adottato tale atteggiamento? Sarà stato  per motivi attinenti i temi in discussione, o forse  alibi per sottolineare qualcos’altro ? Chissà.  Comunque sia, io non credo ciò preoccupi il Sindaco più di tanto.  Egli, è dotato di una straordinaria  abilità di mediazione che appiana ogni intoppo.   Tutte le volte precedenti,  grazie alle sue  sagacia ed astuzia, è  sempre riuscito ad evitare il tracollo della sua “creatura”.  Riuscirà anche questa volta?  Io sono convintissimo di sì.  Perché nessuno dei disertatori ,  pur ostentando coraggio da spadaccino  alla D’Artagnan oserà  mai  infilzarlo,  per più di una ragione.  Quindi, la  lunga vita politica del  Primo Cittadino è salvaguardata!   A proposito: chissà,  se il Sindaco azionando appieno l’identico spiccato acume anche nel controllo dei conti,  la GEMA e AC FOGGIA  ci avrebbero ugualmente   “fregato” miliardi  e miliardi di vecchie lire. Ma questo, è un altro discorso!

Or dunque, l’altra sera si doveva discutere di tasse e di probabile aumento  aliquote delle stesse. Da quanto apprendo, il tema, incautamente o meno e comunque  in barba alla prassi,   non è stato affatto affrontato  a monte e nelle sedi competenti prima di essere dibattuto in Aula. L’attenuante , pare sia,   le  continue assenze  del Dirigente Contabile Saracino  (noto, questi,   per aver indebitamente riscosso cifre per diverse decine di  migliaia di euro su  auto-certificazione,  come compenso lavorativo,  e che la Corte dei Conti ha  deciso la restituzione ).

Viene perciò  lecito chiedersi:  comunque sia, perché non è stata data  la giusta importanza  e guardato con  avvedutezza  l’argomento,   considerato che i cittadini sono già tartassati di tasse ed, invece, si sia voluto procedere alla carlona, dando l’impressione  di  voler sottacere qualcosa?.  Perchè, si è voluto portare all’approvazione il deliberato sapendo che l’iter non era stato eseguito come per legge?  Sono queste le domande alle quali il Primo Cittadino è tenuto a dare risposte chiarificatrici.  Le darà mai?  O si dedicherà esclusivamente all’arte della politica, come filosofia, verso cui ha una spiccata predilezione?.

Per il m.p.i. CERIGNOLA LIBERA

Giuseppe Bruno

Pin It on Pinterest