Foggia:Forza Nuova, “Gay non è famiglia, no legge Cirinnà”

23 Gennaio 2016|Posted in: Foggia, Sociale

Dura presa di posizione dei dirigenti  di Forza Nuova  contro la manifestazione a favore dei matrimoni e delle adozioni da parte di gay, lesbiche e transessuali, che si terrà nel centro cittadino di Foggia .Nella notte è stato lasciato uno striscione a Foggia nei pressi del parcheggio Zuretti in Piazza della Libertà ,con la scritta “Gay non è famiglia, no legge Cirinnà”

“Il matrimonio omosessuale non può esistere giuridicamente e non è necessario. Da Costituzione, in Italia, non si può introdurre il matrimonio gay, ma non per questo gli omosessuali sono discriminati nei loro diritti fondamentali, nonostante le menzogne messe in circolazione dalle comunità lgbt e sinistre varie. Dobbiamo fare un distinguo d’obbligo, – dichiara Mimmo Carlucci coordinatore regionale di Forza Nuova – quello tra i diritti fondamentali, attribuiti ad ogni persona in quanto tale, come l’integrità fisica, la libertà o l’educazione, e i diritti accessori, che sussistono in determinate circostanze, come per esempio il diritto al voto compiuti i diciotto anni.”

“Agli omosessuali è quindi negato il ‘diritto’ di coniugio perché incapaci giuridicamente di contrarre matrimonio, che ricordo essere un’istituzione che prevede per sua stessa natura complementarietà sessuale, procreazione ed educazione dei figli”.prosegue Alesssandro Rinaldi coordinatore provinciale che  inoltre accusa Arcigay e comunità LGBT di egoismo e progressismo da fantascienza: “Un bambino è un soggetto di diritto e non un oggetto di diritto. Nemmeno una coppia etero può affermare che un bambino sia un diritto, perché esso è un dono; figuriamoci una coppia gay, che per sua stessa natura è sterile. Inoltre la convenzione ONU per i diritti dell’infanzia afferma il principio superiore dell’interesse del bambino, che in questo caso è l’avere una madre ed un padre. I ‘crociati’ che parificherebbero la famiglia natale con quelle frutto della neo-ingegneria sociale cosa rispondono? Il nuovo mondo da loro promosso – conclude Francesco Diomede segretario cittadino di Foggia- passa per la cancellazione dei dualismo maschio/femmina, naturale/innaturale, morale/immorale. A queste storture ideologiche lo stato dovrebbe rispondere con la tutela sociale per il rilancio della natalità nazionale, altro che ‘fanta’ diritti”.

Carlucci Domenico Coordinatore regionale Puglia

Alessandro Rinaldi  Segretario provinciale della provincia di Foggia

Francesco Diomede Segretario cittadino di Foggia

Pin It on Pinterest