Cerignola: “Premio nazionale per il libro e la lettura”

Sale sul podio il Liceo Zingarelli-Sacro Cuore-Federico II di Cerignola

“Premio nazionale per il libro e la lettura”: vince “LibriAMOR”

La Dirigente Colucci: “Gli studenti sono riusciti a diffondere le parole e, con esse, il senso profondo della Divina Commedia”

Quest’anno il Premio “Il Maggio dei Libri” è diventato il “Premio nazionale per il libro e la lettura” ed è stato conferito alle iniziative più originali e innovative.

Sul podio, al secondo posto, nella categoria degli istituti scolastici, una menzione speciale per il Liceo Zingarelli-Sacro Cuore – Federico II di Cerignola che, con la suggestiva “LibriAMOR”, ha fatto sentire la propria voce su più di 9000 attività realizzate a livello nazionale.

Il Premio, ricordiamolo, è stato creato dal “Centro per il libro e la lettura” al fine di stimolare l’abitudine alla lettura e consiste nella premiazione dei migliori progetti di promozione della lettura. Cinque le categorie coinvolte: Biblioteche, mediateche e sistemi bibliotecari; Associazioni, istituti culturali, centri studi e ricerche; Istituti scolastici; Carceri, strutture sanitarie e di accoglienza per anziani; librerie. A partecipare alla competizione tutte le iniziative registrate nella banca dati de “Il Maggio dei Libri” e svolte fra il 23 aprile e il 31 maggio 2021.

I progetti selezionati sono stati premiati a Chiari (BS) il 25 giugno 2021, in occasione della Rassegna della Microeditoria, con un evento realizzato anche in streaming.

Una Giuria di grande qualità, formata dal saggista, giornalista e critico letterario, Filippo La Porta (Presidente), Francesca Vannucchi (ISTAT), Giovanna Micaglio (Istituzione Biblioteche di Roma), Carla Fiorentino (Emons Edizioni), Roberta Ursi (Ciurma Libreria, vincitrice del Premio Maggio dei libri 2020), Amalia Maria Amendola e Maria Greco (rappresentanti del Centro per il libro e la lettura), ha valutato le iniziative, preselezionate da un gruppo di lavoro del Cepell (Centro per il libro e la lettura) tra tutte quelle iscritte nella banca dati del Maggio dei libri 2021.

Il progetto del liceo cerignolano è stato notato perchè è riuscito ad appassionare alla lettura i propri studenti e non solo. L’iniziativa progettuale, infatti, ha avuto un importante e consistente riverbero nella comunità locale.

Con “LibriAMOR” il liceo Zingarelli- Sacro Cuore-Federico II non solo ha aderito alla campagna de “Il Maggio dei libri”, ma è riuscito a lasciare un segno in occasione della ricorrenza dei settecento anni dalla morte di Dante Alighieri. Gli studenti, in particolare, hanno raccontato l’amore attraverso la realizzazione di video, riflessioni e drammatizzazioni di testi narrativi e poetici.

“Gli allievi – ha spiegato la dirigente scolastica, Giuliana Colucci – sono diventati esperti traghettatori di poesia e bellezza, toccando i cuori di tutti coloro che hanno seguito e apprezzato le bellissime attività realizzate. Nonostante la distanza fisica imposta dalla pandemia, i nostri alunni in un abbraccio virtuale, ma non per questo meno intenso, sono riusciti a promuovere l’amore per la lettura e la cultura. Sono riusciti a mostrare la bellezza che risiede in quei sentimenti immortali raccontati dal Sommo Poeta. Ed è proprio nel senso del bello che risiede la speranza, che diviene certezza di oltrepassare le difficoltà”.

Entrando nel dettaglio delle attività del progetto vincitore, gli studenti del liceo cerignolano si sono concentrati su diversi filoni tematici: “Amor… ch’a nullo amato amar perdona; “Amor… che ne la mente mi ragiona”; “Amor… che move il sole e l’altre stelle”.

Solo per citare alcune attività, è stato realizzato un video in cui alcuni personaggi della Cantica del Purgatorio hanno preso vita  in scenari agresti e suggestivi, grazie a novelli ma appassionati “attori”. Ampio spazio è stato dato anche alla struggente e immortale storia d’amore tra Paolo e Francesca (Inf.,V), rideclinata ai tempi della pandemia. La scelta stilistica di ogni episodio, non è stata casuale, ma ha richiesto un attento studio dei testi presentati, dimostrando così la grande cura degli alunni nei confronti della lettura.

“I nostri studenti – ha concluso la dirigente Colucci – grazie agli strumenti multimediali, sono riusciti a diffondere le parole e, con esse, il senso profondo della Divina Commedia, dimostrando che i libri che parlano all’irriducibile umanità  rimangono eternamente fonte di ispirazione per tutte le generazioni e continuano a parlare e a guidarci nella comprensione del reale”.

Pin It on Pinterest