Cerignola: Il progetto “Liberiamo la Speranza”: al via le borse lavoro!

Concluso il primo step di formazione del Progetto, che ha registrato l’attiva partecipazione di operatori delle Caritas parrocchiali, di Avvocati, di Associazioni di Categoria, con l’assistenza e la prossimità degli operatori prende il via una delle fasi più importanti del progetto “Liberiamo la Speranza”: l’assegnazione di cinque borse lavoro.

Nel pomeriggio di martedì, 20 luglio 2021, nel Salone “Giovanni Paolo II” della Curia Vescovile di Cerignola, alla presenza di Sua Ecc. Mons. Luigi Renna, vescovo diocesano; di don Pasquale Cotugno, direttore della Caritas diocesana; delle Aziende aderenti; della dott.ssa Mirella Enza Pina Malcangi, direttore UEPE (Ufficio di Esecuzione Penale Esterna) di Foggia; del dott. Matteo Padovano, ispettore della Polizia Penitenziaria e coordinatore del Nucleo di Foggia; e dei Borsisti, sono state firmate le convenzioni per l’assegnazione di cinque borse lavoro. I beneficiari, individuati dall’ULEPE (Ufficio Locale di Esecuzione Penale Esterna) di Foggia, avvieranno un periodo lavorativo grazie alla disponibilità di alcune aziende di Cerignola: la Coop. Soc. “Pietra di Scarto”, la Coop. Soc. “Altereco”, la Società Agricola “F.lli Merra” e la Società “Marmi Ciannamea”.

Il Progetto, avviato dalla Caritas diocesana di Cerignola-Ascoli Satriano in collaborazione con l’UEPE di Foggia e finanziato con i fondi OttoxMille della Chiesa Cattolica, ha l’obiettivo di sensibilizzare la comunità in materia di giustizia e di misure alternative e si sviluppa attraverso tre punti: la formazione di un gruppo di operatori e di volontari che operino nei vari contesti come le parrocchie, le associazioni e le cooperative, dove mettere in atto progetti sulla giustizia per sensibilizzare il territorio ad una maggiore consapevolezza del tema; l’assistenza domiciliare alle famiglie dei detenuti, con particolare attenzione ai minori; l’assegnazione di cinque borse lavoro. L’obiettivo delle borse lavoro è favorire processi di accoglienza e di integrazione sociale dei detenuti, nonché lo sviluppo di un nuovo paradigma di giustizia, più attento all’uomo e al suo sviluppo integrale attraverso un percorso inclusivo e partecipativo.

I borsisti avranno un regolare contratto di lavoro della durata di sei mesi presso le aziende resesi disponibili: le stesse saranno accompagnate durante il percorso non soltanto dall’UEPE di Foggia, ma anche dagli operatori del Progetto attraverso una stretta collaborazione e un proficuo dialogo.

“Questa fase del Progetto – dichiara don Cotugno – ci rimanda al n. 287 del ‘Compendio della Dottrina Sociale della Chiesa’ dove si legge: ‘Il lavoro è un diritto fondamentale ed è un bene per l’uomo: un bene utile, degno di lui perché adatto appunto ad esprimere e ad accrescere la dignità umana. La Chiesa insegna il valore del lavoro non solo perché esso è sempre personale, ma anche per il carattere di necessità’. Il lavoro – continua il direttore della Caritas diocesana – è lo strumento attraverso il quale si può davvero avviare un processo di integrazione e di rinnovamento dell’intero nucleo familiare per scardinarsi da un sistema culturale e sociale che tenta di affiliare e sottomettere gli uomini a una logica criminale ed illegale. Il lavoro, regolarmente pagato e disciplinato da un contratto, apre gli uomini ad una logica di corresponsabilità e di autonomia. Per tale motivo, questa fase del Progetto rappresenta un vero punto di partenza per la creazione di nuovi stili di vita”.

Pin It on Pinterest